FAQ DL Cura Italia

24 marzo 2020

Abbiamo pensato di raccogliere, in questo contenitore ed in questo sito, una serie di domande e risposte che ci sono state poste in questi giorni sulle novità del Decreto Legge n. 18/2020 ribattezzato "Cura Italia" , ecco una prima sintesi:

1) Le rate in scadenza il 28/02/20 per l’adesione agevolata dei ruoli (Rottamazione ter/saldo e stralcio) e quelle del 31/03/2020 per il saldo e stralcio sono state prorogate?

Ai sensi del Decreto Legge n. 18 del 17/03/2020, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.70 del 17/03/2020, art. 68, comma 3, sono state prorogate al 31/05/2020 le rate in scadenza il 28/02/2020 per la Rottamazione Ter e le rate in scadenza il 31/03/2020 per il Saldo e Stralcio.

 

2) I termini di versamento degli avvisi bonari (36-bis, 54-bis) in riferimento alla prima rata o al pagamento in un’unica soluzione ed anche alle rate successive in scadenza nel periodo compreso tra l’08/03/20 ed il 31/05//20 sono sospesi?

La disposizione contenuta nell’art.68 del DL n.18 del 17/03/2020 non estende la sospensione dei pagamenti agli avvisi automatici ai sensi dell’art. 36-bis e 36- ter del Dpr 600/73 e 54-bis del Dpr 633/72, pertanto, seguono le naturali scadenze.

 

3) Le dilazioni dei ruoli ex art .19 del Dpr 602/73 le cui rate sono in scadenza nel periodo compreso tra l’08/03/20 ed il 31/05/20 beneficiano della sospensione di cui all’art.68 Dl n.18 del 17/03/20?

Pur se l’art. 68 del DL n.18 del 17/03/20 non fa esplicito riferimento alle dilazioni dei ruoli ex art. 19 Dpr 602/72, un’interpretazione estensiva della stessa Agenzia di Riscossione, nelle faq pubblicate nel sito il 19/03/2020, considera le stesse rientranti nel novero della sospensione dei versamenti dei ruoli. Pertanto, le rate delle dilazioni ex art. 19 Dpr 602/72 che scadono nel periodo compreso tra l’08/03/20 ed il 31/05/2020 sono sospese ed il pagamento deve avvenire entro il 30/06/2020.

 

4) La sospensione opera anche per altri versamenti tributari quali ad esempio le ritenute d’acconto e la tassa vidimazione libri sociali?

La sospensione dei versamenti di cui agli artt. 61 e 62 del Dl n.18 del 17/03/2020 è limitata solamente:

-alle ritenute alla fonte sui redditi di lavoro dipendente e assimilati operate in qualità di sostituti d’imposta nonché alle trattenute per le addizionali regionale e comunale operate in qualità di sostituti d’imposta;

-all’IVA;

-ai contributi previdenziali e assistenziali e premi per l'assicurazione obbligatoria.

Pertanto, tutti i tributi e contributi di diversa natura scadono, per effetto del differimento generale il 20/03/20.

 

5) Rientrano nella sospensione gli adempimenti della fatturazione elettronica e dei corrispettivi telematici?

No, la sospensione non opera per gli obblighi di fatturazione elettronica e corrispettivi telematici, pur in assenza di specifico riferimento in quanto rappresentano “adempimenti commerciali” di natura privatistica.

 

6) Come si devono comportare i soggetti con ricavi o compensi non superiori a euro 400.000 per non subire la ritenuta d'acconto da parte del sostituto d'imposta?

I compensi dei lavoratori autonomi percepiti tra il 17 ed il 31 marzo 2020 – a condizione che nell’anno 2019 abbiano conseguito ricavi o compensi non superiori a euro 400.000 e che nel mese precedente non abbiano sostenuto spese per prestazioni di lavoro dipendente o assimilato – non saranno assoggettati a ritenuta d’acconto. Per poter beneficiare di tale agevolazione, i soggetti interessati devono rilasciare un’apposita dichiarazione dalla quale risulti che i ricavi e compensi non sono soggetti a ritenuta ai sensi della presente disposizione e provvedono a versare l’ammontare delle ritenute d’acconto non operate dal sostituto in un'unica soluzione entro il 31 maggio 2020 o mediante rateizzazione fino a un massimo di 5 rate mensili di pari importo a decorrere dal mese di maggio 2020, senza applicazione di sanzioni e interessi.

 

7) Quali sono le comunicazioni che devo essere inviate entro il 31 marzo 2020?

Le uniche comunicazioni che devono essere inviate entro il 31 marzo 2020, saranno quelle legate alla dichiarazione de redditi precompilata e alla certificazione unica.

 

8) Quando deve avvenire il versamento dell’IVA?

Per le imprese del settore turistico, filiere dello spettacolo, ristorazione, sport e cultura l’IVA in scadenza a marzo viene sospesa. Il versamento dovrà avvenire in unica soluzione, senza applicazione di sanzioni e interessi, entro il 31 maggio 2020 (1° giugno 2020) oppure in massimo di 5 rate mensili a partire dalla stessa data. Non si fa luogo al rimborso di quanto eventualmente versato in precedenza. Per i contribuenti che nell’anno 2019 hanno realizzato ricavi o compensi non superiori a 2 milioni di euro il versamento dell’IVA è sospeso fino al 31 maggio 2020. Tali soggetti dovranno adempiere in unica soluzione entro il 31 maggio 2020 (1° giugno 2020) o mediante rateizzazione in massimo 5 rate mensili di pari importo. Non si fa luogo al rimborso di quanto eventualmente versato in precedenza. Per i contribuenti che non rientrano nelle categorie di contribuenti suddette il versamento del saldo IVA, in scadenza il 16 marzo. è rinviato al 20 marzo 2020. Resta ferma la possibilità di effettuare detto versamento entro il 30 giugno 2020, maggiorando le somme da versare degli interessi nella misura dello 0,40% per ogni mese o frazione di mese successivo al 16 marzo 2020, oppure entro il 30 luglio 2020, maggiorando le somme dovute (sia il saldo IVA che la sua maggiorazione dello 0,40% mensile) di un ulteriore 0,40%.

 

9) Anche se ho licenziato un collaboratore domestico, posso godere della sospensione dei contributi ancora dovuti?

Si. Il decreto prevede la possibilità per i datori di lavoro domestico che hanno licenziato un collaboratore domestico o per quei collaboratori dimessi, in data antecedente al 23 febbraio, di versare i contributi dovuti entro 10 giugno 2020.

 

10) Anche l’obbligo di fatturazione elettronica e invio dei corrispettivi sarà sospeso?

All’interno del testo normativo non vi è nessun riferimento, pertanto ad oggi restano fermi gli obblighi in materia di fatturazione elettronica e corrispettivi telematici, in quanto si tratta di adempimenti aventi prevalentemente valenza commerciale tra le parti.

 

11) È possibile presentare istanze di interpello durante il periodo di sospensione?

Si. Le istanze di interpello, durante il periodo di sospensione, possono essere presentate esclusivamente in via telematica: tramite pec (posta elettronica certificata) al seguente indirizzo pec: interpello@pec.agenziaentrate.it, per i soggetti residenti nel territorio dello Stato; tramite posta elettronica ordinaria, inviando la documentazione al seguente indirizzo e-mail: div.contr.interpello@agenziaentrate.it, per i soggetti non residenti ma domiciliati nel territorio dello Stato. I termini per le risposte alle istanze di interpello, di cui sopra, presentate dai contribuenti, inizieranno a decorrere dal 1° giugno 2020 (giorno successivo al termine del periodo di sospensione).

 

12) Gli avvisi bonari rientro nel periodo di sospensione previsto dal decreto?

Attualmente all’interno del Dl 18/2020 manca, un rinvio che estenda la sospensione dei pagamenti derivanti da atti diversi da quelli espressamente richiamati. Quindi i cd. Avvisi bonari non è prevista nessuna sospensione.

 

 

 

Archivio news

 

News dello studio

lug29

29/07/2020

Super bonus 110%: esempi pratici

Super bonus 110%: esempi pratici

È online la nuova guida dell’Agenzia delle Entrate al super bonus del 110%, con le istruzioni sulle novità in materia di detrazioni previste dal decreto Rilancio. Dai lavori

lug22

22/07/2020

Resto al sud: modifiche apportate con il Decreto rilancio

Resto al sud: modifiche apportate con il Decreto rilancio

Con l’approvazione definitiva del Decreto Rilancio in Senato sono state introdotte e confermate alcune importanti novità che riguardano gli incentivi Resto al Sud. Vediamo insieme quali

lug2

02/07/2020

Novità fisco e lavoro Luglio 2020

Novità fisco e lavoro Luglio 2020

Cosa è cambiato dal 1 Luglio 2020? Bonus Vacanze Di importo massimo di 500 euro, in base al nucleo familiare, da ieri è possibile richiedere tramite l'app IO raggiungibile cliccando

News

ott20

20/10/2020

One LAVORO: il miglior alleato per fare la differenza

Dalla grande esperienza di TuttoLavoro,

ott17

17/10/2020

Welfare aziendale. Come cambierà dopo l'emergenza Covid-19

La pandemia da Covid-19 ha colpito tutti,

ott17

17/10/2020

Congedo per quarantena scolastica del figlio: a chi e quando spetta

Il decreto Agosto, convertito con modificazioni

ott20

20/10/2020

Acconti IRAP 2020 dovuti in misura ridotta: come effettuare i calcoli

Per i contribuenti che fruiscono della

ott17

17/10/2020

Superbonus 110%: attenzione alla data di inizio lavori per il calcolo del limite di spesa

Con l’entrata in vigore del decreto Requisiti