Resto al sud: modifiche apportate con il Decreto rilancio

22 luglio 2020

Con l’approvazione definitiva del Decreto Rilancio in Senato sono state introdotte e confermate alcune importanti novità che riguardano gli incentivi Resto al Sud. Vediamo insieme quali sono:

I destinatari

Agli imprenditori under 46 residenti nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia che intendono avviare iniziativa imprenditoriale nei seguenti ambiti:
-      Industria

-       Turismo

-       Costruzioni

-       Audiovisivo

-       Servizi

-       Ict

-       Trasporti

-       Energia

-       Sanita’

-       Cultura

-       Farmaceutico

-       Alimentare

-       Studi professionali

Resta escluso il Commercio

Le spese ammissibili

Opere edili di ristrutturazione su edifici già esistenti nella misura massima del 30% del programma di investimento ammesso;

impianti;

macchinari;

attrezzature nuovi di fabbrica e conformi alle normative comunitarie;

Non sono ammissibili:

a) gli interessi passivi;

b) l’imposta sul valore aggiunto;

c) l’acquisto di mezzi targati.

L’avvio dei lavori per la realizzazione del progetto non può avere luogo prima della presentazione della domanda di contributo. Le spese sono ammissibili dal giorno successivo alla data di presentazione della domanda di aiuto.

Misure agevolative

L’incentivo prevede un finanziamento fino ad un massimo di 60 mila euro (per le sole imprese individuali) o di € 50.000 per ciascun richiedente nel caso in cui l’istanza sia presentata da piu’ soggetti costituiti o che intendano costituirsi in forma societaria  fino ad un ammontare massimo di € 200.000.Il finanziamento prevede una quota a fondo perduto pari al 50 per cento e il restante 50 sotto forma di finanziamento bancario, concesso da istituti di credito in base alle modalità ed alla condizioni economiche da restituire in 8 anni, la garanzia prestata dal Fondo di Garanzia per le PMI è rilasciata nella misura dell’ 80% dell’importo del finanziamento bancario.

Requisiti 

Avere un’età compresa tra i 18 e i 45 anni.

CHE non siano già titolari di un’attività d’impresa in esercizio alla data di entrata in vigore del decreto legge (21 giugno 2017). 

Nel caso delle società, le stesse possono comprendere anche soci che non rispettano il limite anagrafico a patto che non siano in numero superiore ad un terzo dei membri della compagine societaria, e non abbiano rapporti di parentela fino al quarto grado con gli altri soci.

Non risultino beneficiari, negli ultimi 3 anni, di altre misure nazionali a favore dell’autoimprenditorialità.

Abbiano costituito o intendono costituire imprese individuali o società, comprese le cooperative, con sede legale o operativa nei territori destinatari della misura Resto al Sud.

Se vuoi ricevere maggiori informazioni basta cliccare qui ed inviare un messaggio nel nostro form, oppure puoi contattarci anche tramite la nostra pagina facebook cliccando qui e chiederci le info che vuoi

Archivio news

 

News dello studio

lug29

29/07/2020

Super bonus 110%: esempi pratici

Super bonus 110%: esempi pratici

È online la nuova guida dell’Agenzia delle Entrate al super bonus del 110%, con le istruzioni sulle novità in materia di detrazioni previste dal decreto Rilancio. Dai lavori

lug22

22/07/2020

Resto al sud: modifiche apportate con il Decreto rilancio

Resto al sud: modifiche apportate con il Decreto rilancio

Con l’approvazione definitiva del Decreto Rilancio in Senato sono state introdotte e confermate alcune importanti novità che riguardano gli incentivi Resto al Sud. Vediamo insieme quali

lug2

02/07/2020

Novità fisco e lavoro Luglio 2020

Novità fisco e lavoro Luglio 2020

Cosa è cambiato dal 1 Luglio 2020? Bonus Vacanze Di importo massimo di 500 euro, in base al nucleo familiare, da ieri è possibile richiedere tramite l'app IO raggiungibile cliccando

News

set16

16/09/2020

Versamento contributi sospesi: F24 INAIL validi anche senza numero riferimento aggiornato

Con una istruzione operativa del 16 settembre

set16

16/09/2020

Cassa integrazione, esonero contributivo Covid-19 e licenziamento: linee guida INL sul decreto Agosto

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro è intervenuto,

set19

19/09/2020

Attenzione a ritenere la riforma della riscossione coattiva come una priorità

Nel dibattito sui contenuti della possibile

ago31

31/08/2020

Bonus pubblicità: domande dal 1° settembre con nuove regole

Si apre la finestra supplementare per